Ufficio chiuso, bandiera ripiegata e tanti nuovi amici salutati da una parte e valigia chiusa, volo preso e il ritorno a casa, dall'altra. Sì, si è concluso l'anno Erasmus a Perugia. 

Al di là delle forti emozioni che si provano quando qualcosa di bello finisce, proviamo a tirare le somme di quello che è stato un periodo stupendo, ESNmente parlando. Sono stati organizzati oltre 10 viaggi, sono stati creati più di 50 eventi, sono state ideate 2 settimane social, si è raggiunto il record di iscritti al corso di italiano superando le 150 persone, è stata realizzata la prima festa patrocinata sia dall'Unipg, sai dall'Unistra, sia dal Comune del capoluogo Umbro, è stata ufficializzata la collaborazione tra la sezione perugina e l'Università per Stranieri, è stato ampliato il numero degli esners, è stata migliorata l'organizzazione interna di ESN Perugia e si è il raggiunto il record di tesserati in un anno. Insomma, quest'anno i volontari dell'associazione si sono divertiti. 

Lo sapete una cosa? Il bello è che il merito di tutto ciò lo dobbiamo a voi che avete partecipato alle attività proposte, a voi che con i vostri consigli ci avete aiutato a migliorare, a voi che siete stati amici e colleghi di avventure. Siete la nostra forza e vedervi felici è il nostro orgoglio, il nostro compenso. Potrebbero sembrare frasi fatte, in realtà non è così. Non è così perché anche noi abbiamo avuto il coraggio di fare l'Erasmus, anche noi abbiamo vissuto esperienze di questo tipo e anche noi vi capiamo così tanto da aver sottoscritto con noi stessi che tutti coloro che vivranno l'Erasmus a Perugia meriteranno di avere dei ricordi unici, di conoscere persone incredibili e di imparare dal diverso. In fin dei conti, non è proprio questo il messaggio più bello che ci insegna l'Eramsus? Non è proprio questo che distingue chi ha fatto l'Erasmus da chi non l'ha fatto? Si parla di generazione Erasmus ed è maledettamente vero. Una volta arrivati a casa, una volta distesi nel proprio letto e realizzato che l'Erasmus è finito, ci rendiamo conto che siamo diversi da quando siamo partiti. Lentamente abbiamo imparato che ci sono aspetti che seppur lontani dal proprio mondo non sono così male e nemmeno così incomprensibili. Finalmente facciamo parte della generazione Erasmus e ce ne accorgiamo solo al rientro, perché notiamo quanto siamo cresciuti, quanto siamo cambiati in meglio. 

In conclusione, speriamo che questi siano stati mesi indelebili. Abbiamo provato a darvi una mano al fine di renderli incancellabili e ora che tale esperienza è giunta al termine è arrivato il momento di augurarvi il meglio. Crediamo molto in questo progetto e adesso sta a voi dimostrare che quello che avete vissuto vi è servito sul serio, sta a voi fare una "testa tanta" ai vostri amici su quanto sia meravigliosa l'esperienza all'estero e sta a voi provare a rendere unica l'esperienza dei futuri studenti internazionali nelle vostre città. 

Ricordatevi, una volta aver vissuto l'Erasmus, si è per sempre Erasmus, una volta aver vissuto l'Erasmus a Perugia, si è per sempre perugini.

ESN Perugia starà sempre qui per voi.

Grazie, veramente.